Carta di Intenti PD - ETTORE MARTINELLI – SECONDO INTERVENTO

sapere : va chiarita l’immagine del partito rispetto a come si viene percepiti: il PD è contro il professionismo della politica al di là dell’età, perché questa società impone di essersi misurati con gli aspetti concreti della società prima di fare politica a differenza del secolo scorso. Vogliamo essere diversi dagli altri grazie al profilo credibile, a volti a cui dare fiducia, non è solo un problema di comunicazione ma anche di sapere. In questi tempi purtroppo si è passati dal sapere per cercare di comunicare al comunicare per avere il potere. Ci facciamo i conti, ma non rinunciamo a tornare sul binario giusto.
Lavoro: senza lavoro non c’è dignità. La Società è cambiata, ma senza lavoro non hai certezze.
La precarietà è un problema, nel sistema danese tante volte richiamato come obiettivo da raggiungere se ti licenziano ti danno soldi e altre opportunità di lavoro, ed il welfare è gratis.
La Flessibilità va raggiunta senza assumere un atteggiamento ideologico, né da una parte né dall’altra (per esempio è falso dire che non si investe in Italia per l’articolo 18).
Servono soldi per finanziare i sussidi per formazione e disoccupazione, è necessario diminuire le tasse sul lavoro aumentando quelle sul patrimonio, si deve lottare contro il lavoro nero ed incentivare la sicurezza sul lavoro spendendo sui controlli.
Sviluppo sostenibile: serve un piano industriale strategico che deve tener conto dello sviluppo sostenibile, (vedere come esempio il cosiddetto piano Pistorio quando Bersani era ministro). Un paese è meno forte senza industria, servono poli industriali per una cultura del lavoro.
Sui trasporti è evidente la sproporzione del trasporto su gomma in Italia, ma sui treni servono regole. I treni locali devono rispettare situazioni minime di decoro per i passeggeri.
Diritti civili: servirebbe una serata intera dedicata al tema,sui diritti civili si misura una società, i diritti civili non sono la sommatoria delle sfortune, ma sono legati alla dignità umana, si lede il diritto civile per poi ledere il diritto sociale. I diritti non devono essere negoziabili, non devono essere associati ad un costo. E’ stato dimostrato che garantire i diritti civili migliora anche l’economia.
E’ necessario avere rispetto dei cattolici ma non di chi vuole l’esclusiva nel rappresentarli totalmente.
I temi principali sono il diritto di cittadinanza (ius soli) e il testamento biologico: la posizione del PD è definita, serve una legge sul testamento biologico.
Unioni civili: il concetto che il matrimonio è basato sull’amore non è sindacabile, ma usciamo dal problema del nome e parliamo di diritti (per esempio alla assistenza ospedaliera), il PD propone le unioni civili (per esempio senza permettere adozioni, ma su altri temi si può trovare una sintesi sui diritti). I diritti civili sono parte fondante del PD, non sono solo un punto programmatico.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un po' di chiarezza sull'eccidio di Valaperta

Assemblea Circolo PD Merate - 16 Settembre 2017