Post

Visualizzazione dei post da gennaio 22, 2012

Il futuro del Lario dopo l'abolizione delle province

Lago di Como, Gaffuri e Spreafico (PD): “Che attenzione sarà riservata al Lario nel nuovo Consorzio per i laghi Prealpini? E chi gestirà i proventi dei canoni idrici dopo l’abolizione delle Province?”

Milano 25 gennaio 2012

Quale attenzione verrà riservata al lago di Como nel nuovo Consorzio per i laghi prealpini che, posto sotto il controllo del Ministero dell’Ambiente, subentrerà alle prerogative del Consorzio dell’Adda? A chi spetteranno i canoni che Regione Lombardia, in base ai dettami della Legge numero 22 del 28 dicembre scorso, dal 2013 verserà ai territori di Como e Lecco, visto che le Province, a cui dovrebbero essere destinati, non opereranno più? Sono queste le preoccupazioni che animano Luca Gaffuri e Carlo Spreafico, rispettivamente capogruppo PD e consigliere segretario del Consiglio regionale, dopo l’audizione di questa mattina in Commissione Agricoltura, parchi e risorse idriche dell’Assessore regionale Marcello Raimondi che ha relazionato in merito alle novità legate …

ON. CODURELLI: PENSIONI, CHIARIMENTI IN MERITO ALL'EMENDAMENTO APPROVATO VENERDI' IN COMMISSIONE

Rispondo ai tanti messaggi di chiarimento che sono arrivati in merito all'emedamento approvato venerdì in commissione su penalizzazione precoci ed esodati, consapevole che è solo un primo passo, proprio per questo ho ribadito in buona compagnia, che occorre andare oltre al fine di non creare ulteriori disparità.

Penalizzazioni: limitatamente ai soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017, un limite che non soddisfa ma che ci fa spostare in la di 5 anni in attesa di altre modifiche.

Esodati:
per chi ha risolto il rapporto di lavoro a far data del decreto, 6 dic 2011, rientra nel vecchio meccanismo per chi matura il requisito nel 2012 e nel 2013. Per chi aveva già avuto l'autorizzazione ai versamenti volontari a quella data, è tranquillo e mantiene il vecchio requisito senza il limite dei 24 mesi.
Il nostro impegno di miglioramento continua, convinti però, che ente poste, telecom e altri debbano fare la loro parte.

on. Luci…

ON. CODURELLI: LEGGE SULLE DIMISSIONI IN BIANCO : VA RIPRISTINATA SUBITO!

Quella delle dimissioni in bianco è una pratica barbara che si ritorce soprattutto contro le donne e la maternità, è un fenomeno che va stroncato con urgenza attraverso il ripristino della legge cancellata dal ministro Sacconi con il totale assenso di PDL e Lega. La legge da noi approvata nel 2007 "una legge illuminata" fatta di un solo articolo, che prevedeva che le dimissioni fossero fatte su moduli identificati da codici numerici e progressivi validi solo 15 giorni. Ora è di nuovo calendarizzata in commissione lavoro la proposta del Pd a prima firma On. Gatti, ci auguriamo la convergenza di tutti e l'approvazione da parte del governo visto l'annuncio della ministro Fornero che ha annunciato a breve un provvedimento per rendere impossibili queste dimissioni.

I dati sconcertanti forniti dall'Istat e dai sindacati, che complessivamente parlano di 2 milioni di lavoratori colpiti, il 15 per cento di coloro che godono di un contratto a tempo indeterminat…

PER IL SINDACO BRIVIO AUMENTA L'INDICE DI GRADIMENTO

L'ultima Governance Poll 2011, la classifica sull'indice di gradimento di politici e amministratori locali stilata dal Sole 24 Ore riporta l'aumento del consenso del Sindaco Virginio Brivio che, salito al 53%, 51esima posizione in classifica fra i sindaci, fa segnare un buon avanzamento rispetto agli anni precedenti: +1,5 % rispetto alla Governance Poll del 2010 e +2,8 punti percentuali rispetto al consenso raggiunto il giorno dello spoglio delle urne. Un risultato decisamente positivo che oltre a rende soddisfatto tutto il PD lecchese.

"Per il PD questo risultato è la prova concreta che il lavoro dell'Amministrazione Brivio è apprezzato e compreso" sottolinea il Segretario Cittadino Mario Tavola "naturalmente l'impegno prosegue e non è sufficiente fermarsi a questo dato. La macchina organizzativa è stata in parte riorganizzata, ora seguono azioni precise che sono state oggetto di attenzione anche dalla stampa regionale e nazi…

SEN. RUSCONI: SODDISFAZIONE PER APPROVAZIONE DUE EMENDAMENTI SU RIFUGI ALTA MONTAGNA E SOCCORSO ALPINO

COMUNICATO STAMPA SEN. RUSCONI: SODDISFAZIONE PER APPROVAZIONE DUE EMENDAMENTI SU RIFUGI ALTA MONTAGNA E SOCCORSO ALPINO

Il senatore Rusconi, vicepresidente dell'intergruppo "Amici della montagna", manifesta soddisfazione per l'approvazione in Commissione alla Camera di 2 emendamenti proposti dall'ufficio di Presidenza della stessa Associazione e fondamentali per il futuro di chi opera per e sulla montagna.
Il primo offre la possibilità di risorse per l'efficientamento energetico dei rifugi di alta montagna il cui iter applicativo, oggi fermo al Ministero dell'Economia, potrà rapidamente ripartire con una dotazione di 1milione 650 mila euro in modo che tutti i lavori possono essere svolti nel periodo estivo, l'unico utile per poter eseguire impegnativi lavori in alta montagna.

Il secondo consente di restituire e recuperare 250.000 euro per far fronte al pagamento dell'assicurazione dei volontari del Soccorso Alpino e Speleolog…

CODURELLI- PENSIONI: CORREGGERE E’ INDISPENSABILE E LE RIGIDITA’ DEL MINISTRO SONO ASSURDE E INCOMPRENSIBILI

Per alcune modifiche da apportare alla riforma delle pensioni il governo aveva preso impegni precisi in aula durante l'approvazione della Manovra e non solo, in particolare per i precoci e senza lavoro. Per questo oggi risulta incomprensibile e assurda la rigidità che appone la Ministro Fornero, non volendo riconoscere, che dopo 41/42 anni di lavoro operaie e operai, non abbiano perso giorni di cassa integrazione, di mobilità, di malattia e se donna non abbia usufruito di maternità facoltativa, o di assenza per la cura dei figli? Allora è proprio vero che fare figli, in Italia già pochi, è una colpa e con questa posizione ancora una volta il nostro paese avrà un primato, ma un primato negativo: chi fa figli deve essere penalizzato e che si arrangi, alla faccia della politica lungimirante e di giustizia sociale!

La ministra che ha anche la delega alle pari opportunità, ben sa quanto divario esista ancora oggi visto lo scandaloso numero delle donne…