Beni comuni: Intervento di Daniela Panzeri - Circolo di Lomagna

La carta d’intenti espone diversi beni comuni dei quali i più importanti per il ns circolo sono i seguenti:

1. istruzione e formazione: attraverso lo “sviluppo umano e culturale di tutti” (Card. Martini) si può formare una comunità che sia in grado di apprezzare e conservare il patrimonio della nazione da una parte e di competere con le altre potenze mondiali sul piano economico dall’altra.
2. sviluppo culturale e integrazione: apprezzare e conoscere le diversità può essere la chiave di volta per uno sviluppo culturale integrato come dimostrano la campagna a sostegno del diritto di voto agli immigrati che il nostro partito ha sostenuto fin dall’inizio e i progetti di sostegno alle comunità locali attraverso i progetti di cooperazione decentrata per lo sviluppo
3. ambiente: la tutela e la salvaguardia del suolo devono essere presidiati dai cittadini, con un loro coinvolgimento diretto e consapevole, come fatto in occasione dell’iniziativa contro le società Po Valley e Edison che avrebbero voluto aprire la procedura per la ricerca di idrocarburi  nel Parco del Curone e come si sta facendo oggi con il Piano Cave nel Meratese. Inoltre, i recenti quesiti referendari hanno portato l’attenzione su un bene primario, a disposizione di tutti, che è l’acqua e che deve essere salvaguardata da interessi economici di parte dalla sorgente fino all’utilizzatore finale.
4. strutture pubbliche/istituzioni: lo Stato deve garantire una facilità di accesso alle strutture, vicinanza al cittadino, messa in sicurezza degli edifici pubblici come le scuole dove tutti possano accedere senza alcun tipo di barriera o discriminazione.
5. buone pratiche e patrimonio locale: le buone pratiche devono essere condivise, tutto può diventare bene comune in modo tale che tutti possano considerare il bene pubblico come proprio. Diversi esempi si possono trovare nelle amministrazioni virtuose e nei programmi da loro svolti come ad esempio la tutela del  suolo attraverso la riqualificazione di aree abbandonate e dismesse, la tutela del paesaggio attraverso la costituzione delle piste ciclopedonali, il sostegno agli anziani creando spazi adeguati alle loro esigenze, il sostegno e la formazione dei ragazzi attraverso azioni che incentivino loro a vivere i nostri paesi come il piedibus, le strutture pubbliche come la biblioteca e così via… . Questi piani di intervento sono spesso supportati da associazioni locali e non. L’associazionismo è la valorizzazione del volontariato a tutti i livelli che diventa una forma di integrazione ma anche un livello di maturità di un paese.
Essi sono strettamente connessi con il tema della responsabilità, nella consapevolezza che tutto quello che agisce per il bene pubblico può recare beneficio anche per il singolo cittadino.

Commenti

Post popolari in questo blog

Serata Mandic - Martedì 12 Dicembre ore 21.00

Gino del Boca nuovo segretario!