Post

Visualizzazione dei post da dicembre 19, 2010

Con Gesù è nato il primo «senza dimora» ufficiale della storia

Vi accolgo con gioia e in punta di piedi, ma col cuore aperto e grande come quello del Dio che questa notte a fatica porta un messaggio rivoluzionario di amore e di tenerezza. A fatica, perché credo che nemmeno Dio riesca a trovare un posto nello scempio in cui si è trasformato il Natale, trastullo innocuo di chi gioca alla «civiltà cristiana» insieme a papi e cardinali che fornicano con un governo di corruttori e corrotti, dominato da un ignobile debosciato, affetto da narcisismo compulsivo e ebbrezza paranoica del potere.
Il nucleo del Natale è semplice: ognuno di voi è prezioso, unico e irrepetibile, necessario alla vita del mondo e indispensabile per la salvezza di esso. Questa notte ognuno di voi è dichiarato importante da Dio, in qualunque stato si trovi, in qualunque condizione viva, qualunque esperienza faccia, qualunque progetto di vita e di amore coltivi. Ascoltate il vostro cuore e troverete una dichiarazione d’amore esclusiva, personale, unica.
Oltre due mila anni or sono, …

Frasi utili per il 2011

Qualche citazione per vivere meglio il 2010
Gli uomini del futuro saranno uomini di pace, o non saranno. (Ernesto Balducci)L’essenza dell’ottimismo è una forza che non lascia mai il futuro agli avversari, il futuro lo rivendica per sé. (Dietrich Bonhoeffer)Pensare è tanto difficile che la maggior parte della gente preferisce giudicare (G.C.Jung)La società odierna dovrà dolersi, non tanto della malvagità dei cosiddetti cattivi, quanto del silenzio dei cosiddetti buoni! (Martin Luther King)Così, perché sei tiepido e non sei né freddo né fervente io ti vomiterò dalla mia bocca. (Apocalisse 3,16)Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Non possono esistere gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. (Antonio Gramsci) Ogni tempo ha il suo fascismo. A questo si arriva in molti modi, non necessariamente col terrore dell'intimidazione poliziesca, ma anche negando e distor…

Rosi, la politica cinepanettone

Il Senato affidato alla matriarca leghista Rosi Mauro è la "pucchiacchia in mano a' creatura". E' la seneneggiata, in mezza giornata già un cult su You Tube, sul contrasto tra la più sofisticata macchina procedurale e le maniere sbrigative di una volitiva massaia rurale che ha cercato di governare il Senato con la stessa sapienza con cui si governano e si cucinano i conigli. Ma è anche uno dei momenti probabilmente più maschilisti del nostro Parlamento.
Un maschilismo innocuo ma inesorabile, da cinepanettone, dove gli amici di partito ridacchiano e la sfottono, mentre gli avversari le fanno "buu" come fosse Balotelli. E intanto la leghista colpisce l'aria con una penna che sembra un matterello, "eh no, colleghi" ripete, poi grida "vergogna", e sempre agita le braccia e si capisce che vorrebbe far partire tanti sganassoni con le sue grandi mani, mani di fatica, rosse e nodose, con il cerchio all'anulare. Ma non può farlo e dunque a…

Gesù bambino quest'anno è nato prima

Nascita anticipata, per il povero Bambinello. Stamattina a Gaza. Una nascita anticipata che è anche un simbolo, per chi ci crede, della tragedia umana. Pensieri un po' tristi (e indignati) alla vigilia dell'ennesimo Natale senza pace per questa terra.

Non è una frase a effetto. E’ uno degli epifenomeni di questa realtà. Gesù Bambino anticipa la sua nascita a Gaza. E non certo per questioni di fuso orario. Non nasce nella notte del 24 dicembre, ma nasce stamattina nella piccola comunità cristiana di Gaza, dove il patriarca di Gerusalemme Fouad Twal va a celebrare la Messa di Natale, accompagnato dal nostro buon Abuna Mario. Questioni legate alla sicurezza, ai calendari, agli impegni? Decidetelo voi. Io penso al fatto in sé. Al fatto che Gesù Bambino nasca per primo a Gaza, e qualcosa vorrà pur dire, oltre al semplice dato di cronaca.
Vorrei che di Gaza ci si ricordasse di più, e che questa nascita anticipata rispetto al tempo canonico (per chi ha fatto figli, la terminologia da…

E se franasse il patto di ferro...

Che cosa accadrebbe se Berlusconi chiedesse, come suggerisce Casini, l'aiuto del Terzo Polo? In realtà il pallino resta in mano a Bossi: chi ha in mano il Nord controlla il Paese.

“La legislatura può arrivare al termine naturale”. Il terzo Polo rilancia la palla nel campo governativo per il secondo giorno consecutivo. Ieri Casini che ha invitato Berlusconi a chiedere aiuto alla luce del sole senza ricorrere ai sotterfugi o al mercato dei parlamentari. Oggi è stata la volta del Presidente della Camera Gianfranco Fini che nel corso del rituale incontro di auguri con la stampa parlamentare ha detto che ”ci sono le condizioni” perché la legislatura possa durare. Ma perché la legislatura possa durare, ha aggiunto Fini, occorre por mano alla riforma elettorale.
Sereno in vista dunque per il proseguo dell’attuale Governo? A prima vista sì, di fatto le posizioni restano distanti. Porre come condizione l’approvazione di una nuova legge elettorale proporzionale che consenta al neonato terzo p…

Tanti i “successi” per il turismo lecchese grazie alla Ministra... è bene che si dimetta subito

Il Pd già nella giornata di venerdì ha chiesto che il Ministro Michela Brambilla si dimetta se confermate assunzioni illecite, ma anche perché ha dimostrato di essere un Ministro del tutto incompetente. Aggiungo che le dimissioni ci siano e subito, per le grandi figuracce da quando è Ministro e perché ce ne vorremmo risparmiare altre.
L’ultima è l’istruttoria avviata dalla Corte dei Conti che accerterà se sono avvenute assunzioni di funzionari che poi svolgono attività di partito.Da oltre un anno è aperto un fascicolo presso la procura di Milano dopo l'esposto fatto dall'Anpi contro il saluto fascista compiuto durante la festa annuale dei Carabinieri che si è svolta a Lecco e la sottoscritta è stata sentita il 23 dicembre dello scorso anno, in quanto firmataria di una interrogazione parlamentare sul tema. Interrogazione che ad oggi il primo ministro non ha risposto nonostante le innumerevoli sollecitazioni. Nell’intermezzo lo scandalo delle nomine Aci dove tra gli altri ha si…

Giacomo Gilardi è il nuovo segretario dei Giovani Democratici

Sabato 18 dicembre si è svolto il congresso dei Giovani Democratici della provincia di Lecco. Un congresso in un periodo poco usuale, motivato dalle dimissioni, per motivi personali, del segretario Michele Bianco. Sono intervenuti anche il Sen. Antonio Rusconi e il sindaco di Lecco Virginio Brivio, mentre l'On. Lucia Codurelli, impossibilitata a presenziare, ha inviato una lettera.
Il congresso ha sancito la nomina del nuovo segretario, Giacomo Gilardi.
E' stata ribadita la volontà dei Giovani Democartici Lecchesi di aumentare la collaborazione con i vari gruppi spontanei di giovani che si formano sul territorio, superando l'attuale distacco tra il gruppo dei GD di Lecco e i giovani iscritti degli altri circondari. E' inoltre emersa la necessità di coordinare e diversificare le iniziative, non centrandole solo su Lecco, ma puntando anche su Meratese, Casatese e Valsassina, in modo da migliorare il coinvolgimento e il radicamento dei GD su tutto il territorio provinciale.

Il permesso di manifestare

Il Governo annuncia un pugno più duro con le manifestazioni politiche, a cominciare dalle prossime degli studenti e degli universitari. Il governo non si risparmia. Fa le veci del Parlamento. Fa le veci della magistratura, si impegna all'unisono, interni e giustizia, a spiegarle che i ragazzi fermati vanno tenuti in galera. Si profonde in avvertimenti sul ritorno del Sessantotto e degli anni di piombo. Dal'45 al Sessantotto erano passati 23 anni. Dal Sessantotto a oggi 42. I "ragazzi" di oggi, dai 41 anni in giù, sono nati dopo il Sessantotto, e dai 40 in giù dopo lo sbarco sulla luna.
Che studenti ricercatori operai vadano sui tetti al governo sembra seccante, ma fino a un certo punto. Da lì possono solo scendere, o buttandosi di sotto, e non c'è problema, o dalle scale, e basta aspettarli e rimetterli al loro posto. Che dai tetti scendano nelle strade e le riempiano e tornino ad avere insieme obiettivi definiti e un'ispirazione generale, che ripudino una pre…

Intervista a Bersani: "Ora alleanza col terzo polo" Il Pd pensa a sacrificare le primarie

Il leader democratico invoca un nuovo patto per superare Berlusconi. "Ora si rimette tutto in discussione"

Un patto per la riforma della Repubblica. Un'alleanza per lavoro e crescita. Pier Luigi Bersani prepara una "piattaforma democratica". E la offre a tutte le forze di opposizione, Terzo polo in testa, per andare "non contro Berlusconi ma oltre Berlusconi, oltre il populismo. Non penso a un Cln anti-Cavaliere. Il Pd vuole aprire una fase fondativa".
Segretario, dopo la vittoria numerica ma non politica di Berlusconi alla Camera, perché non chiedete le elezioni anticipate?
"Se ci saranno le elezioni in primavera non avremo paura di affrontarle e vincerle. Ma non toglieremo le castagne dal fuoco a Berlusconi. Lui ha detto al Parlamento "voglio tre voti in più per la stabilità". Adesso vediamo quale stabilità e quale governo è capace di garantire. Se alla fine si andrà al voto dovrà pagare il prezzo: del suo fallimento e dell'ennesima …