Le bugie del Ministro, neppure un euro per premiare i bravi insegnanti

Vorremmo chiarire anzitutto un dato concreto, come piace ai lombardi veri: la legge 133 prevedeva tagli in 3 anni di 8 miliardi nella scuola pubblica e il reinvestimento del 30 per cento di questi nel merito degli insegnanti migliori. Il ministro Gelmini è stata molto precisa nell'obbedire ai tagli di risorse previsti da Tremonti ma non ha reinvestito un euro per premiare alcun insegnante 'meritevole'. Allora si eviti di continuare a raccontare bugie sulla pelle di persone che ogni giorno, con serietà e impegno, continuano a lavorare per la scuola pubblica italiana. Lo dichiara, in una nota, il senatore del Pd Antonio Rusconi, capogruppo in Commissione Istruzione.

Sen. Antonio Rusconi
Capogruppo del PD in Commissione Istruzione

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un po' di chiarezza sull'eccidio di Valaperta

Assemblea Circolo PD Merate - 16 Settembre 2017