"Capisco che per molti «pecunia non olet», ma per me olet, eccome se olet"

Sono in attesa di una risposta pubblica e privata alla mia lettera sulla Comunione del pluridivorziato Berlusconi ai funerali di Raimondo Vianello (clicca sul testo evidenziato per leggere la lettera). Se questa risposta chiara e inequivocabile, con nome e cognome, non arriva, la gerarchia cattolica diventa complice e còrrea e perde, il diritto di parlare di «principi» e morale.
Una mezza parola su Saviano. E’ evidente che Berlusconi difende i suoi amici e gli amici dei suoi amici e la figlia difende il padre che l’amico degli amici. Impeccabili le risposte di Saviano, al quale, è ovvio, va la nostra solidarietà e siamo certi che non smetterà di parlare di mafia e camorra e ‘ndrangheta perché, anche in forma letteraria ci permette di vedere nessi e connessi di una realtà per troppo tempo omertosa. La mafia & C. ormai governa e occupa il parlamento. Chi denigra la Nazione all’estero, Saviano che aiuta a prendere coscienza, o Berlusconi che porta i mafiosi in parlamento?
Un solo appunto, fuori dal coro, a Saviano. Pubblicando i suoi libri con la Mondadori che è stata «rubata» mafiosamente da Berlusconi con la corruzione di un giudice e di una sentenza, Saviano alimenta l’illegalità e foraggia Berlusconi e la figlia. In occasione della pubblicazione di un mio libro, una persona mi ha detto che se volevo, potevo pubblicare con Mondadori e avrei fatto affari «perché Mondadori è l’unica casa editrice che sta mangiando tutte le altre e ha una distribuzione capillare». Io ho rifiutato e ho preferito il piccolo editore "Il Segno dei Gabrielli", ma libero, e più dignitoso e coerente che non fare affari. Forse ci ho rimesso, ma sicuramente ho guadagnato in credibilità, coerenza e dignità.
Coloro che criticano Berlusconi e poi corrono a pubblicare i loro libri da lui, sono patetici e mi fanno anche arrabbiare; come D’Alema e compagnia cantante. Lo so che molti mi diranno: "...ma la cultura così viene divulgata e diffusa meglio..." Sarà, ma per me il fine non giustifica mai il mezzo e la morale non è un elastico che si adatta alle circostanze. Spero che Saviano per i suoi libri futuri scelga un piccolo editore che fatica a mantenere la libertà di idee: il suo nome ormai non ha bisogno che di essere stampato. Sia però più coerente. I giorno in cui Marco Travaglio pubblicherà un solo rigo con Mondadori, avrà vanificato tutto quello che ha detto e scritto finora. Capisco che per molti «pecunia non olet», ma per me olet, eccome se olet.

Paolo Farinella, prete

Commenti

Post popolari in questo blog

Un po' di chiarezza sull'eccidio di Valaperta

Assemblea Circolo PD Merate - 16 Settembre 2017