giovedì 22 aprile 2010

"Berlusconi ha ostentato la sua cattolicità che denigra e viola e infanga"

Berlusconi è un uomo pubblico che ha “ostentato” la sua cattolicità che denigra e viola e infanga sempre pubblicamente giorno dopo giorno. Come uomo pubblico malato è andato al funerale, ma il protagonista era lui con le tv sempre pronte a riprenderlo. Il morto era superfluo.
Un uomo notoriamente immorale, divorziato e che dichiara: “Don Verzè mi assolve senza nemmeno conoscere i miei peccati” è totalmente fuori di quelle norme che cardinali e papi si ostinano a predicare e ad imporre ai comuni mortali. Vi sono preti che per molto meno negano assoluzione e comunione e in un caso come questo, i custodi dei “principi non negoziabili” dovevano insorgere di fronte a questo gesto osceno, sacrilego di uno che prende le perle e le butta ai porci, con tutto il rispetto per i Sigg. Porci.
Se la Gerarchia non lo fa, perde la faccia e la credibilità e io ho il diritto di dire ai divorziati: fate la comunione come e quando credete in coscienza.
Il 20 aprile, in occasione del ricevimento diplomatico per l’anniversario del papa, Berlusconi e Bertone si sono incontrati e hanno parlato per circa mezz’ora. Berlusocni ha detto che “è stato un colloquio cordialissmo perché tutti e due siamo salesiani”. Bene. Se questa è la risposta, Bertone è sacrilego, blasfemo peggio di Berlusocni. Io, Paolo prete, affermo che se Bertone celebra la Messa, commette sacrilegio e non appartiene più alla Chiesa cattolica. Forse apparterrà ai salesiani alla berlusconide, forse può ridere e scherzare con un corrotto, ma non può più parlare da credente e da cattolico. Bertone come Berlusconi sono scismatici.
Mi dicono anche che segretamente Benedetto XVI ha incontrato Tremonti in vista di un avvicinamento alla Lega che verrebbe scelta come garante degli “interessi cattolici”. Sia che Berlusconi crolli sia che vada al Quirinale, il Vaticano e il papa puntano su Tremonti alla presidenza del consiglio e alla Lega come partito di garanzia “cattolica”. Liberi di farlo e di allearsi con chi vogliono. Gesù è andato nel deserto per essere tentato dal diavolo, il papa e i suoi scardinalonzoli invece vanno a cercare i corrotti e gli atei e gli scismatici per farsi tentare, carezzare e farsi garantire soldi, prebende e sicurezze. La Provvidenza è sostituita dalla previdenza politica.
Quando il papa fa queste cose oscene, io cristiano battezzato e prete ho tutto il diritto di ripudiarlo, e con lui tutti i còrrei complici di questo scempio che trasforma la chiesa in una prostituta a basso costo.

ECCO LA LETTERA DA ME SCRITTA

Sig. Cardinale Angelo Bagnasco,
Arcivescovo di Genova e Presidente Cei
Sig. Cardinale Tarcisio Bertone,
Segretario di Stato Vaticano

OGGETTO: Comunione ai divorziati: due pesi e due misure?

Oggi domenica 3a di Pasqua, 18 aprile 2010, molti cristiani, tra cui alcuni divorziati mi informano che nei funerali di Raimondo Vianello celebrati il giorno 17 aprile 2010 a Milano e officiati da uno degli ausiliari di Milano, Silvio Berlusconi, attuale presidente del consiglio, non solo ha trasformato l’austerità della morte in uno show personale di bassa lega con tv attaccata alle sue calcagna, ma ha addirittura fatto la Comunione durante la Messa.
E’ notorio che egli sia pluridivorziato, e quindi in uno stato non compatibile con la dottrina della Chiesa cattolica, quotidianamente affermata dai vescovi e dal papa. E’ già la seconda volta che si fa vedere in pubblico a fare la Comunione, falsamente compunto e oscenamente mostrato dalle sue tv, programmate allo scopo.
Poiché è un uomo pubblico, malato di protagonismo eccentrico, egocentrico ed esclusivamente dedito al culto della sua persona, prefigurando lo scandalo che ne sarebbe emerso, i celebranti avevano l’obbligo di non dargli la Comunione, rimandandolo al suo posto e invitandolo a non trasformare la serietà della morte in uno spettacolo da circo.
Lo scandalo c’è stato e la nostra gente pensa che la regola severa della esclusione dai sacramenti che la gerarchia cattolica impone ai divorziati non valga per il potente Berlusconi, notorio frequentatore di prostitute e di minorenni e uomo senza scrupoli morali, corrotto e corruttore. Sembra che facendo la Comunione mentre si offre fintamente compunto alle sue tv, voglia essere un messaggio alle gerarchie cattoliche, quasi a dire: Io sono superiore a qualsiasi legge. Nessuno potrà mia giudicarmi perché “Io sono la legge”: sono anche superiore alle leggi della Chiesa che io posso disattendere quando voglio.
Poiché lo scandalo si è compiuto in modo pubblico per scelta dell’interessato, che si è fatto seguire dalle sue tv, è urgente che il presidente della Cei e il segretario di Stato dicano chiaramente e apertamente, con nome e cognome, che il sig. Berlusconi Silvio ha commesso un sacrilegio, accostandosi alla Comunione in quanto divorziato e in procinto di divorziare una seconda volta.
E’ intollerabile che la sua sicumera e protervia arrivino a tanto, quasi facendo credere a tutti che egli è sciolto da ogni legge ecclesiastica così come provvede da solo a sciogliersi da ogni legge umana, facendosele approvare su misura. Il «bonum fidelium» esige una sconfessione pubblica e quest’uomo capace di ogni bassezza per suo tornaconto deve essere diffidato dal proseguire su questa strada pena la scomunica definitiva per disprezzo pubblico e ostentato della legge canonica.
Se la gerarchia cattolica non interviene subito, sarà giudicata dal popolo di Dio come connivente e complice di un immondo comportamento che si regge e si nutre dell’appoggio implicito ed esplicito di larga parte della gerarchia e dei cattolici organizzati che troppi interessi materiali hanno in combutta con un uomo che più di ogni altro ha degradato l’Italia e i «principi non negoziabili» ad un livello di bassezza inaudita.
Se l’etica non è un’opinione, vogliamo sentire i vescovi dissentire, altrimenti, come insegna la morale compresa dal nostro popolo «è tanto ladro chi ruba, quanto chi para il sacco».

In attesa di un riscontro, porgo distinti saluti.

Paolo Farinella, prete

1 commento:

  1. Ormai non c'è più nessuna differenza fra onesto e disonesto, anzi più ona cosa è disonesta e immorale è più viene ostentata ma questo non è il peggio; il peggio è la licitazione che viene data a questi individui da chi avrebbe il dovere di tramettere e difendere i valori del vangelo- Questo è il vero scandalo della società odierna. Gesù Cristo, nel vangelo, non si vedeva andare a cena con Erode ma insegnava con l'esempo e con le opere la giusta via;questo non succede più neanche da chi di dovere ed a tutti i livelli. Noi da chi dobbiano prendere esempio??

    RispondiElimina